Chi siamo

chi_siamo_mobilità_etica

La Mobilità Etica è una Società che opera nel settore dei servizi alla persona e alle aziende, Offre a privati, imprese ed enti pubblici, progetti innovativi e sperimentali in campo promozionale e pubblicitario.

Sposa un’iniziativa già collaudata da parecchi anni nei paesi del Nord Europa (Germania e Svizzera) ed in alcune Regioni italiane per far fronte alle sempre più numerose richieste di aiuto da parte di persone che hanno bisogno di sostegnoanziani, disabili, portatori di handicap, studenti-lavoratori con disabilità e giovani nello sport.

 

Il progetto di acquisto e gestione del mezzo attrezzato è realizzato dalla Mobilità Etica in collaborazione con l’ amministrazione comunale, i servizi sociali, associazioni ONLUS ed aziende del territorio. Ha tra i suoi scopi sociali la lotta al disagio e alla emarginazione dei portatori di handicap fisici e motori.

Il progetto  nasce in attuazione della Legge n. 328/2000 che disciplina il principio della sussidiarietà nel rapporto Pubblico – Privato per consentire alle imprese di compartecipare, col beneficio della deducibilità fiscale, in supporto alle amministrazioni, alla gestione delle loro funzioni sociali, in particolare nelle funzioni di sostegno alle persone in stato di disabilità motoria.

Questa progettualità sulla sinergia Pubblico – Privato nasce circe trent’anni fa in Germania.

Oggi, la logica dell’intervento privato a supporto delle funzioni pubbliche è ancor più apprezzabile, viviamo in un periodo storico particolarmente critico anche per l’impresa privata, in quanto l’azienda “Comune”, l’anello più debole nella catena della Pubblica Amministrazione, è assolutamente impossibilitata a supportare le categorie più deboli (disabili, anziani, bambini) per i noti tagli nei trasferimenti statali che annualmente sempre più comprimono le disponibilità finanziarie dei Comuni proprio nei settori vitali per le persone più indifese.

Ciò che si richiede alle aziende è un intervento finanziario, di valenza minimale e da noi mediato, per mettere a disposizione dell’Ente Comunale un mezzo, idoneamente attrezzato per il trasporto dei disabili, del quale il Comune ottiene l’uso per quattro anni, rinnovabile, a titolo di comodato gratuito.